Naviga tra le categorie del blog:

Giovedì, 29 Gennaio 2009

Cuil, il nuovo motore di ricerca Numeri e privacy contro Google

A sorpresa, la creatura di alcuni ex dipendenti di Mountain View secondo i quali può indicizzare il triplo delle pagine di "Big G", ma il sito va in tilt per le troppe connessioni
MENLO PARK (California) - E' nato da una costola di Google, e dopo una falsa partenza è pronto a dare battaglia. Annunciato a sorpresa come (l'ennesimo) nuovo rivale del motore più famoso del mondo, Cuil.com (che si pronuncia "Cool" e deriva dalla parola gaelica "conoscenza") è stato ideato da alcuni ex dipendenti di Google, tra cui la ricercatrice Anna Patterson, madre del nuovo algoritmo che dovrebbe battere "Big G". Ricerche più accurate e meglio "contestualizzate": queste le promesse del motore.
Cuil - Nuovo motore di ricercaFalsa partenza. Il lancio del sito ha generato un effetto imprevisto per i suoi fondatori: pochi istanti dopo la sua nascita, il motore è caduto a causa dell'alto numero di connessioni. Un messaggio di scuse e la promessa di un pronto ritorno hanno salutato i curiosi per alcune ore. Non proprio un lancio trionfale.

L'anti-Google. Passati i primi momenti di sbandamento, il sito è tornato accessibile. Basta un'occhiata alla home per capire che Cuil vuole essere l'anti-Google, in tutto e per tutto. Una prima pagina sobria, con un semplice campo di ricerca e uno sfondo nero. Poche ma chiare le parole per salutare il nuovo utente: privacy e numero di pagine indicizzate, i punti chiavi su cui Cuil vorrebbe costruire il proprio successo. Secondo i suoi creatori il nuovo motore indicizza 120 miliardi di pagine, dieci volte più di Microsoft e tre più di "Big G": non per niente il sito si proclama come il più grande motore di ricerca del mondo. La seconda parola chiave è privacy, il vero tallone di Achille degli altri motori di ricerca: a differenza dei rivali, Cuil non conserva log, ip e cookies. "Le ricerche che fai sono affar tuo, non nostro".

La storia. Il progetto dietro Cuil nasce nel 2005 e ben tre dei quattro fondatori della società, hanno lavorato per Google. La loro idea è stata finanziata da capitali di ventura con 33 milioni di dollari. Oltre ai numeri presentati, l'arma in più di Cuil sono i costi di indicizzazione: secondo i suoi creatori il motore potrà crescere velocemente perché ogni pagina aggiunta costa un decimo di quando costa a Google. Una situazione opposta a quella di Powerset, il motore semantico comprato da Microsoft, che a causa del suo sistema di indicizzazione deve affrontare costi notevolmente superiori.

Le critiche. Un sito che si proclama migliore di Google deve attendersi l'arrivo di critiche, che infatti sono immediatamente piovute. Un portavoce del motore di Mountain View ha ricordato che Google ha già "visitato" oltre mille miliardi di pagine, solo che ha anche provveduto a scartare quelle ritenute inutili.
I paragoni tra i due motori di ricerca sono arrivati subito, e per adesso Google appare superiore con ricerche più precise e un vasto assortimento di servizi collaterali. Ma non bisogna sottovalutare il nuovo nato di Menlo Park perché, come afferma Michael Arrington, di TechCrunch, "Cuil è nato da poche ore, Google ha avuto dieci anni per affinare il suo sistema".
 
Fonte da Repubblica.it

Comunicazione Funzionale sul web.
Attenti alle innovazioni, proponiamo soluzioni creative capaci di adattarsi al flusso mediatico in continua evoluzione.

Copyright © 2018 cfweb - Comunicazione Funzionale. Tutti i diritti riservati.
Via dei Gelsi, 2 - 88046 - Lamezia Terme - Catanzaro - Calabria - Italia
P.iva 02970320798 - Tel. +39 391 75 93 276



Cookie policy | Privacy policy
design: cfweb