Naviga tra le categorie del blog:

Domenica, 10 Maggio 2009

Controlli sui siti internet che commercializzano prodotti alimentari

Il fenomeno Internet sta diventando ogni giorno più vasto e pervasivo, entrando sempre di più spesso nelle scelte dei consumatori che, nella speranza di ottenere prezzi convenienti rispetto all’andamento del mercato, si rivolgono ad uno dei molti siti che commercializzano prodotti alimentari, in particolare formaggi ed insaccati.

Se, talvolta, la speranza di scontare prezzi più convenienti viene esaudita, non è sempre detto, però, che la qualità dei prodotti commercializzati corrisponda a quanto pubblicizzato e, soprattutto, ai requisiti igienico - sanitari che i prodotti alimentari debbono comunque assicurare, qualunque sia il canale di distribuzione.Ecco allora che nei primi giorni del corrente mese di Aprile i Carabinieri dei N.A.S. hanno eseguito un servizio di controllo sull’intero territorio nazionale, verificando la regolarità della commercializzazione di prodotti alimentari venduti tramite Internet.
In particolare, dopo un attento lavoro di analisi e di monitoraggio della rete, sono stati individuati oltre 30 siti, scelti tra i più importanti tra quelli che pongono in vendita prodotti alimentari, procedendo quindi al controllo delle sedi fisiche presso le quali vengono svolte le attività, risalendo infine la filiera sino ai luoghi di produzione delle merci.
L’esito dei controlli ha portato a constatare che non sempre le merci poste in vendita tramite la rete rispettano i requisiti igienico - sanitari previsti dalle norme e in 13 casi (41 % del totale) i Carabinieri del N.A.S. hanno provveduto a sanzionare i titolari delle attività.Nel corso dell’operazione i Carabinieri del N.A.S. hanno deferito 14 persone alle competenti Autorità Giudiziarie o Amministrative, sequestrando oltre una tonnellata di prodotti alimentari, per un valore stimato di circa 100.000 Euro.
Le violazioni più gravi sono state accertate:

    * in provincia di Lucca, dove i militari del N.A.S. di Livorno hanno deferito all’Autorità Giudiziaria il titolare di un’azienda agricola dove si eseguiva la macellazione di carne suina in locali non autorizzati e sprovvisti dei requisiti igienico - sanitari minimi, utilizzando per la preparazione dei prodotti una struttura abusiva in legno;
    * in provincia di Cuneo, dove i militari del N.A.S. di Alessandria hanno deferito il titolare di un salumificio per la detenzione di insaccati crudi in evidente cattivo stato di conservazione, essendo stati custoditi all’interno di un impianto di congelazione non idoneo e non autorizzato.

Fonte da www2.melitoonline.it - Scritto da Bruna Italia Massara

Comunicazione Funzionale sul web.
Attenti alle innovazioni, proponiamo soluzioni creative capaci di adattarsi al flusso mediatico in continua evoluzione.

Copyright © 2018 cfweb - Comunicazione Funzionale. Tutti i diritti riservati.
Via dei Gelsi, 2 - 88046 - Lamezia Terme - Catanzaro - Calabria - Italia
P.iva 02970320798 - Tel. +39 391 75 93 276



Cookie policy | Privacy policy
design: cfweb